..

Municipio di Gravesano
Via Cantonale 30
CH-6929 Gravesano

Tel. 091 610 44 44
Fax 091 610 44 40
info@gravesano.ch

Mappa del sito

Sportello Virtuale

..
..
..
Il Comune ieri e oggi

Il nome: da Gravexano a Gravesano
Secondo importanti ricerche, la nascita di Gravesano è da attribuire prima dell’epoca romana.
Gravexano compare per la prima volta in un documento dell’archivio patriziale di Arosio nel 1254. Appare inoltre in un documento riguardante l’inventario di beni immobili di proprietà del Capitolo del Duomo di Como del 3 maggio 1298. Nell’”Itinerario militare” redatto tra il 1496 e il 1519 vi si trova un’ulteriore traccia. E ancora, l’attestazione del 1591 notifica la visita del mons. Niguarda, il quale ebbe sotto la sua cura i comuni di Gravesano, Bedano e Manno.
Da Gravexano a Gravesano il passo è breve e il nome dovrebbe indicare “sassoso, pietroso”. La denominazione quindi ben si sposa con il villaggio sorto su terreno alluvionale formato da ingenti quantità di ghiaia e pietre.
La frazione di Gravesano, Grumo, sembra abbia avuto un’importante ruolo nell’antichità. Vi sono testimonianze dell’esistenza di un antico castello, il Mator che doveva essere sicuramente fortificato. Il Mator, oggi ancora chiamato Mattero, sorgeva in una posizione strategica, tra la montagna e il fiume Vedeggio.
Grüm ricorda il pugno di roccia, ovvero la rocca…un’ulteriore conferma del fatto che, anche in questo caso, il nome è riferito ad un elemento naturale fondamentale.

Alcune curiosità storiche
Sembra che l’imperatore Enrico II , nel 1004, risalendo la Tresa, passò per Cadempino e soggiornò nel castello di Grumo.
Anche l’imperatore Federico Barbarossa pare abbia trascorso a Gravesano le feste di Pasqua del 1162 mentre scendeva verso l’Italia. Si dice che addirittura avesse assistito alle funzioni pasquali nella chiesa di San Pietro a Gravesano.
Queste notizie forniscono un’informazione importante riguardo a Gravesano perché sottolineano la sua appartenenza ad un territorio di passaggio tra nord e sud. Il villaggio si trovava infatti sulla direttrice che dal Gottardo portava alla valle della Tresa, e proseguiva verso sud lungo Luino e il lago Maggiore. Un passaggio quindi tra il Centro Europa e il Mediterraneo.

Popolazione ieri e oggi
In passato il numero degli abitanti era annotato insieme ai paesi di Bedano e Manno. Si sa però che nel 1670 a Gravesano c’erano 28 famiglie; nel 1709 le famiglie erano scese a 24 con un totale di 111 abitanti. Nel 1900 i residenti erano 178 e via via il numero è andato aumentando negli anni: 213 nel 1930, 335 nel 1950, 428 nel 1970, 737 nel 1980. Oggi a Gravesano i residenti si avvicinano a 1300. I cittadini di Gravesano vengono chiamati "Maghitt".

Un comune piccolo 
Gravesano è uno dei più piccoli comuni ticinesi. Con una superficie di 0,64 km2, si situa al sesto posto.
I confini di Gravesano a sud e a ovest, cioè verso Manno e Alto Malcantone, sono delimitati dal torrente Vallone; a nord, verso Bedano, dalla Val Finàa e ad est, verso Lamone, dal fiume Vedeggio.

..

Pubblicazioni

Segnaliamo due recenti pubblicazioni: la prima risale al 2010 con il volume “Gravesano e la sua gente” di Raimondo Locatelli; editore il Comune di Gravesano. Nell’introduzione del volume – Stefano Vassere, allora responsabile del “Repertorio toponomastico ticinese” presso l’Archivio di Stato del Cantone Ticino, tra l’altro segnalava:

..
..

Il libro contiene tutto su Gravesano. Dalle prime tracce e le prime documentazioni, alle testimonianze del passato ancora presenti e visibili al passante di oggi, a profili e storie delle famiglie tradizionali e illustri del luogo, alla ricca documentazione d’archivio, alle istituzioni, alle questioni territoriali di ieri e di oggi, alle attività del passato e del presente, ai luoghi tipici, gli edifici religiosi, quelli pubblici, i movimenti e le associazioni, le iniziative culturali, lo sporti, i ritrovi pubblici e molto altro.

Nelle sue conclusioni, Stefano Vassere, segnala la fortuna della comunità di Gravesano di poter disporre di questa pubblicazione.

Il testo è accompagnato da una serie di fotografie d'epoca che illustrano i luoghi descritti.

..

La seconda, realizzata nel 2014 e presentata ufficialmente nel febbraio 2015, è un volume della collana del Repertorio toponomastico ticinese a cura del Centro di dialettologia e di etnografia, dedicato al nostro paese.

La pubblicazione, presentata in una nuova veste grafica, è inserita in un pratico cofanetto accompagnato da utili e interessanti supporti cartografici, che consentono una lettura più agevole del territorio permettendo di localizzare i nomi di luogo.

La monografia presenta l’elenco dei toponimi con la trascrizione della pronuncia dialettale, una descrizione del luogo e annotazioni di vario genere fornite dagli informatori o ricavate da fonti scritte.

..
..

Immagini storiche

© Comune di Gravesano  |  credits
Ultimo aggiornamento della pagina: 07.10.2016  |  Visualizzazione: RegolareStampa

Aiutaci a migliorare

Aiutateci a migliorare!

 

Questa pagina vi è stata utile?


No

, perché