..

Municipio di Gravesano
Via Cantonale 30
CH-6929 Gravesano

Tel. 091 610 44 44
Fax 091 610 44 40
info@gravesano.ch

Mappa del sito

Sportello Virtuale

..
..
..
Cenni storici

Vi presentiamo i luoghi e gli eventi più significativi del nostro Comune:

La Chiesa dei SS. Pietro e Paolo
La chiesa, come il castello e il villaggio, ha origini antiche e probabilmente sorge su precedenti strutture. In epoca romana doveva essere luogo di ristoro e di culto.

In un documento del 1192 viene citata come chiesa di San Pietro e più tardi, nel 1580, diviene la chiesa dei SS. Pietro e Paolo.

..

L’oratorio del Buon Consiglio
L’oratorio, situato nel centro del nucleo villaggio, è dedicato alla Beata Vergine del Buon Consiglio e risale alla seconda metà del  ‘700.

 

Fu costruito da  Carlo Insermini di Gravesano in parte a spese proprie  e con la collaborazione di altri benefattori.

..
..

Istituto Rusca
Nel novembre  1893 venne istituita a Gravesano la “Fondazione scolastica Istituto Rusca”.

Fu Matteo Rusca a volere l’istituto “per l’istruzione ed educazione gratuita ed in perpetuo a favore specialmente delle Comuni di Arosio, Bedano, Gravesano, Manno”.

Figlio di Pietro Rusca e di Maria nata Boschetti,  nato ad Arosio il 29 settembre 1807 e cresciuto a Parma, Matteo Rusca si diploma all’Accademia di  Belle Arti. Insegnante di disegno e di arti plastiche, poco oltre  i vent’anni iniziò anche l’attività di abile stuccatore. Lavorò in diversi località emiliane e sono da menzionare i suoi stucchi nella Chiesa di San Raimondo a Piacenza, nella cappella dell’Immacolata del Duomo di Fidenza, nella Chiesa di Santa Croce a Fontanellato, poi in quella di San Faustino e Giuditta a Sorbolo dove ha lasciato un omogeneo apparato di stucchi comprendente l’altare maggiore e dei laterali, le balaustre di organo e cantorie, oltre al pulpito.

..

Ha operato quindi nella Chiesa di San Vitale, con un importante gruppo di opere, e alla decorazione del Teatro Regio di Parma.

Lavorò nel campo artistico fino al 1850 per poi divenire, sempre nel parmense, imprenditore edile ed industriale come il padre.

La vita di Matteo Rusca è segnata da diversi lutti familiari. Nel 1833 si sposa  con Paola Galli dalla quale avrà quattro figlie; tre morte in tenere età; nell’evento del quarto parto, perde anche la moglie.

 

Si risposa nel 1844 con Gioconda Agosti dalla quale ebbe un figlio anch’esso morto subito dopo la nascita.

Nel 1854 perde il padre Pietro Rusca e da quel momento le visite al paese natale (Arosio) si fecero più frequenti e iniziò a maturare l’idea di creare una struttura per i giovani. Sarà grazie all’amicizia con l’avv. Domenico Tognetti di Bedano che riuscirà a concretizzare questo suo desiderio.

Matteo Rusca morì nel gennaio del 1866. Domenico Tognetti, dando seguito alle disposizioni testamentarie, sarà poi designato erede universale.

Le intenzioni del fondatore furono scrupolosamente rispettate dall’erede universale e nel novembre 1893 venne aperta a Gravesano la “Fondazione scolastica Istituto Rusca”. Vi erano due corsi scolastici: una scuola maggiore o tecnica ed una di disegno.  L’istituto ha ospitato le Maggiori fino al 1982 quando, dopo una ristrutturazione, è divenuto sede della Scuola Media.

Inutile dire che l’istituto ha rivestito una notevole importanza sul piano dell’insegnamento e della cultura, sia  per Gravesano che per la regione circostante.

..

Ampliamenti e nuove costruzioni
Nel 1980, visto l’alto numero di allievi che frequentavano la scuola media di Gravesano e considerato che il vecchio edificio non rispondeva più alle nuove esigenze  della scuola media, lo Stato acquistò nelle vicinanze un vasto appezzamento di terreno e procedette ad una nuova costruzione dotata di 8 aule, di alcune aule per l’insegnamento delle materie speciali, della biblioteca e di una sala multiuso.

Nel 1999 è stata inoltrata un’ulteriore domanda di costruzione per lavori di ristrutturazione e di ampliamento della scuola media. E’ stato costruito un nuovo edificio comprendente la mensa, la palestra, la biblioteca e l’aula di tecnica dell’abbigliamento. Nuovo anche il campo di pallacanestro e il posteggio coperto sotto di esso. Oggi, la scuola media si presenta con quattro blocchi: l’edificio palestra A, il campo basket B, l’edificio Rusca C e l’edificio scuola media D.

Oggi gli allievi che frequentano la scuola media sono 350 e provengono dai comuni di Gravesano, Arosio, Bedano, Manno, Lamone, Vezio, Fescoggia, Mugena e Breno.

..
..

L’alluvione del 1951
L’alluvione del 1951 rappresenta sicuramente una delle catastrofi naturali più marcate per Gravesano. Da un rapporto tecnico redatto nel settembre 1952 si legge: “in seguito ai nubifragi dell’agosto e novembre 1951 i torrenti che in condizioni normali sono asciutti, o quasi, convogliarono enormi quantitativi di acque e materiali invadendo in parte il centro dell’abitato ed i terreni coltivi e provocando ingenti danni alle proprietà private e comunali”.

L’alluvione demolì le vie di comunicazione del paese e tra i paesi confinanti, asportò muretti a secco, danneggiò l’abbeveratorio del bestiame e l’acquedotto comunale.

..

Ars Medica
La costruzione della clinica Ars Medica risale alla primavera del 1986. Presente anche con la clinica Sant’Anna a Sorengo, il gruppo Ars Medica rappresenta il maggior operatore sanitario privato del cantone.  Nelle due cliniche sono stati creati 12 studi medici, 9 sale operatorie, 120 posteggi. Ortopedia e chirurgia sono a Gravesano, ostetricia, ginecologia, oncologia, chirurgia della mano e assistenza nella medicina sportiva sono a Sant’Anna a Sorengo.

Scuola dell’infanzia e scuola elementare
Nel febbraio del 1997 è stato aperta a Gravesano la nuova scuola dell’infanzia. Attualmente sono due le sezioni a tempo pieno con refezione che ospitano i bambini dai tre ai sei anni.

La scuola elementare si trova a Manno ed è consortile fra i comuni di Manno e Gravesano.

..

© Comune di Gravesano  |  credits
Ultimo aggiornamento della pagina: 04.02.2015  |  Visualizzazione: RegolareStampa

Aiutaci a migliorare

Aiutateci a migliorare!

 

Questa pagina vi è stata utile?


No

, perché